Scoperto il misterioso legame tra stress e malattie cardiovascolari

Scoperto il legame tra stress e malattie cardiovascolari

Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Sappiamo da tempo che lo stress può influenzare la salute del cuore e delle arteriePuò favorire l’insorgenza di infarti del miocardio e ictus cerebrali.

Non conosciamo però esattamente quali siano i meccanismi attraverso cui questo succede. Il rapporto tra stress e salute di arterie è rimasto a lungo un mistero.

Ora parte di questo mistero viene svelato da una ricerca condotta dagli studiosi del  Massachusetts General Hospital (MGH) e della Icahn School of Medicine at Mount Sinai (ISSMS). Infatti hanno scoperto che a fare da connessione tra stress e malattie cardiovascolari sono l’amigdala e l’attività del midollo osseo.

L’attività dell’amigdala può anche predire il rischio di malattie cardiache e ictus. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati su “The Lancet“ nel numero uscito a gennaio 2017.

Lo stress

Lo stress è un evento naturale. Può essere positivo o negativo.

Stress positivo: eustress

Se una situazione ambientale è avvertita come pericolosa, produce allarme e paura come coloritura emotiva, si attiva la risposta allo stress. Dobbiamo recuperare tutte le energie possibili per superare l’evento segnalato come pericoloso.

Una volta superato questo pericolo reale o presunto tale, i meccanismi dello stress si dovrebbero spegnere. Dovremmo recuperare quelle energie perse per essere di nuovo pronti in caso di nuovo pericolo.

Se l’allarme che attiva i meccanismi dello stress è limitato nel tempo. Superiamo il pericolo. Lo stress si spegne. Abbiamo attivato una reazione di adattamento alla situazione che consuma energia ma di breve durata.

Il superamento del pericolo determina una sensazione di piacere, un tono dell’umore positivo. Questo unito al recupero delle energie, cioè ad un adeguato riposo, ci permette di continuare la nostra vita e anzi di goderci gli ostacoli superati.

Questo è lo stress positivo chiamato anche eustress.

Ha come risultato quello di mantenerci “vivi” e in buona salute.

Stress negativo: distress

Può però capitare che le situazioni ambientali che causano stress si prolungano nel tempo. Cioè le situazioni che avvertiamo come pericolose sono continue. Gli stimoli a cui siamo sottoposti sono eccessivi e continui. I meccanismi dello stress sono sempre attivi.

Non abbiamo il tempo per recuperare le energie perse. Di rilassarci e riposarci adeguatamente.

Andiamo incontro ad un esaurimento delle nostre energie.

Passiamo da situazioni di normale reazione (eustress) a situazioni di esaurimento cronico delle nostre energie. Andiamo oltre quelle che sono le nostre capacità di recupero.

In questo caso ci troviamo di fronte ad uno stress negativo chiamato anche distress. Come conseguenza si possono manifestare problemi fisici e psichici.

Rompiamo l’equilibrio che ci permette di attivarci, reagire, superare il pericolo, provare sensazioni piacevoli e recuperare le forze.

Non riusciamo più a trovare emozioni e sensazioni positive, indispensabili a ricaricarsi.

Il distress può diventare la condizione quotidiana della nostra esistenza. La modalità continua nell’affrontare i problemi della vita. Fino all’esaurimento totale delle nostre energie.

Lo stress nella nostra vita quotidiana

Nella nostra vita quotidiana non dobbiamo più lottare con animali feroci.

Ma viviamo situazioni ripetitive e fastidiose. Situazioni che essendo quotidiane possono portarci a vivere di continuo stress che diventa negativo. Perché ci esaurisce.

Il distress diventa cronico con pesanti ripercussioni sulla nostra salute psichica e fisica.

I meccanismi dello stress

Quando siamo sotto stress vengono attivati meccanismo che ci permettono di preparare il nostro corpo ad affrontare e a superare il pericolo.

Azione dello stress continuo

Fino ad oggi sapevamo che il prolungarsi degli effetti del cortisolo, delle catecolamine e del sistema nervoso periferico ortosimpatico favorisce l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Si ha infatti uno stato di prolungata vasocostrizione, ipertensione arteriosa, tachicardia.

Di aumento della glicemia nel sangue, consumo di proteine e grassi.

Lo stress cronico dovuto ad aumento stabile di catecolamine provoca ipercolesterolemia.

Con aumento del colesterolo cattivo e dei trigliceridi e riduzione del colesterolo buono.

Altera il funzionamento del sistema immunitario favorendo i processi infiammatori cronici.

Determina insonnia e profonda astenia, stanchezza.

Favorisce il deterioramento della memoria e di altre facoltà cognitive: come l’attenzione, la capacità di risolvere problemi e di ragionare correttamente.

Questa situazione se perdura nel tempo favorisce l’insorgenza di:


Tutti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, cioè infarto del miocardio e ictus cerebrali.

L’esatta sequenza di meccanismi che dallo stress porta al rischio cardiovascolare aumentato è però rimasta fino ad ora un mistero.

Cosa ha scoperto lo studio americano

Grazie allo studio di cui parliamo oggi si aggiungono importanti tasselli che ci permettono di capire la connessione tra stress e malattie cardiovascolari.

La ricerca ha coinvolto 293 adulti con un’età media di 55 anni. I soggetti non erano affetti né malattie cardiovascolari né da tumori noti.

Questi soggetti sono stati sottoposti ad una accurata valutazione dello stress percepito attraverso questionari.

Sono state quindi valutate attraverso avanzate tecniche di imaging (risonanza magnetica funzionale e PET/CT): l’attività cerebrale dell’amigdala, l’attività del midollo osseo, l’infiammazione delle arterie del cuore. La produzione della PCR attraverso prelievo di sangue.

Amigdala

L’amigdala è un nucleo (uno a destra e uno a sinistra) localizzato nella parte più profonda e antica del cervello.

Sappiamo che svolge un ruolo importante nella connessione delle emozioni con le funzioni cognitive cioè con il pensiero.

Soprattutto si attiva in risposta della paura. Quindi delle situazioni ambientali percepite come pericolose, da cui difendersi.

Sapevamo che è soprattutto dall’amigdala che partono i segnali che avviano i meccanismi dello stress prima descritti. Cioè la secrezione di cortisolo, catecolamine e l’attivazione del sistema nervoso periferico ortosimpatico.

Non era chiara la sua connessione con l’infiammazione e l’aterosclerosi. Condizioni alla base delle malattie cardiovascolari.

I risultati dello studio

I ricercatori hanno evidenziato come dopo l’attivazione dell’amigdala, in condizioni di stress, viene attivato il midollo osseo.

Il midollo osseo è deputato alla formazione delle cellule del sangue. Sotto lo stimolo dell’amigdala produce più cellule del sistema immunitario proinfiammatorie. Cioè che hanno la tendenza a formare infiammazione.

Subito dopo l’attivazione del midollo, attraverso la PET si evidenzia una attività a livello delle arterie del cuore.

Questo vuol dire che le cellule del sistema immunitario prodotte dal midollo arrivano a livello delle arterie iniziando un processo infiammatorio. Si eleva anche la PCR, prodotta dal fegato quando vi è una infiammazione in atto.

Secondo gli scienziati lo stress può attivare l’amigdala. Che porta alla produzione aggiuntiva di cellule immunitarie dal midollo osseo. Che a loro volta possono influenzare le arterie, causando infiammazione.

Questo processo nel tempo contribuisce alla formazione e alla progressione dell’aterosclerosi. Questo è il fenomeno fondamentale che unito all’ipertensione e all’ipecolesterolemia potrebbe portare ad un evento di malattia cardiovascolare, come un infarto o ictus.

Gli scienziati hanno anche evidenziato come tanto maggiore è l’attività dell’amigdala tanto più alto è il rischio di un evento cardiovascolare.

Lo studio è estremamente importante perché per la prima volta viene evidenziato nell’uomo come l’iper funzionamento di un nucleo del cervello (l’amigdala) porti ad un aumento di infiammazione a livello del cuore.

Collegando così cervello e cuore. In particol modo stress e arterie coronariche. Predisponendo a complicanze cardiovascolari.

Lo studio potrebbe fornire nuove informazioni su come ridurre le malattie cardiovascolari legate allo stress.

Cosa abbiamo imparato

Da tempo sappiamo che un eccesso di stress cronico può danneggiare il cuore. I meccanismi attraverso cui questo avviene non era noti. Sapevamo che lo stress produce aumento della secrezione di cortisolo, catecolamine e attiva il sistema nervoso ortosimpatico. Provocando ipertensione arteriosa e aumento del colesterolo cattivo.

Dopo questo studio sappiamo che lo stress attraverso l’attivazione dell’amigdala, attiva il midollo osseo. Questo produce più cellule del sistema immunitario con capacità infiammatorie. Subito dopo queste cellule raggiungono le arterie coronarie e qui sviluppano infiammazione della parete e delle arterie.

Questo processo nel corso del tempo avvia e aumenta la formazione di aterosclerosi che danneggia la parete delle arterie. Predisponendo alle complicanze della malattia cardiovascolare , cioè l’infarto del cuore e presumibilmente l’ictus cerebrale.

Per la prima volta si è dimostrato nell’uomo il nesso tra stress ed infiammazione. Tra cervello e cuore. Quindi, a maggior ragione, se vogliamo bene al nostro cuore impariamo a gestire lo stress negativo.

Se clicchi sulle frasi sottolineate si apre un link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci

Telefono

Email

Torna su